Il fumo fa male

-QUANDO IL FUMO FA MALE-

Mia moglie si deve recare all’ospedale di Vigevano per un esame della vista alle 18.00, siamo distanti circa una ventina di chilometri. Adesso ti elencherò quanto è accaduto dalle 16.30 del pomeriggio fino alle 21.30.

    -Usciamo di casa, mia moglie accanita fumatrice, si ferma dal tabaccaio per comprare le sigarette, hanno solo un pacchetto da dieci.

    -Siamo partiti prima perché ci saremmo fermati al supermercato per comprare un po’ di carne, abbiamo sbagliato il giorno preposto allo sconto.

    -Provvediamo ad acquistare poche cose urgenti e ci rechiamo alla cassa, mia moglie tira fuori il portafoglio dalla borsa intanto che prende il sacchetto e lo riempie. Quando si tratta di pagare non si trova più il portafoglio, pago io, poi ci mettiamo alla sua  ricerca nel supermercato e in macchina, con esito negativo. Poi finalmente l’abbiamo trovato dentro il sacchetto della spesa.

    -Mio genero mi telefona ed insiste nell’accompagnarmi, confermo, siamo in anticipo, all’appuntamento abbiamo ancora un buon margine di tempo.

    -percorriamo circa metà strada, ci troviamo imbottigliati in una fila molto lunga. Mia moglie telefona all’ospedale e ci confermano che l’aspetteranno fino alle 19.15. Procediamo a rilento finche non vediamo che la fila era dovuta alla polizia che insieme alla scientifica erano alla ricerca di armi. C’era stato uno scontro a fuoco con relativo morto, un immigrato ventenne più volte espulso e ricercato come delinquente comune.

    -Finalmente, dopo aver trovato un casello ferroviario chiuso arriviamo in ospedale, correndo affannosamente per lunghi corridoi arriva nell’ambulatorio previsto.

    -Dopo la visita, la mia signora esce un po’ abbacchiata, deve essere operata di cataratta all’occhio sinistro, poi probabilmente anche al destro.

    -All’uscita, io e mio genero attraversiamo la strada per recarci alla macchina, mia moglie ha intravisto un tabaccaio sullo stesso marciapiedi distante un centinaio di metri e si incammina per raggiungerlo. Noi invertiamo la marcia e la procediamo cercando un parcheggio, per sostare  i pochi minuti necessari al suo arrivo. Attesa inutile è sparita! La cerco al telefono, non risponde, dopo un po’ qualcuno ci dice che una signora è caduta poco indietro. Ci rechiamo indietro a piedi e la troviamo a terra all’ingresso della porta dell’obitorio sostenuta per le spalle da una ragazza, altri due signori presenti ci avvertono che hanno già chiamato l’ambulanza. Nell’attesa mia moglie ci racconta che è inciampata su un tombino, intanto accusa forti dolori. All’arrivo al pronto soccorso gli viene riscontrata una frattura al collo dell’omero con testina fuori asse.

   -All’arrivo a casa, apro la porta e ci raggiunge un forte odore di carne bruciata, il ragù preparato per le lasagne è andato in fumo, la pentola incrostata e gli indumenti da portare in lavanderia.

Adesso purtroppo Anna è piena di lividi, fa punture sulla pancia che lasciano brutti  ematomi ed accusa forti dolori.

                                                                   Auguri di nuovo

                                                                               Ermanno

Autore: riflessioniopinioni

sono nato in un paesino dell'alto Molise, la sera di pasqua del 1947. A Milano da mezzo secolo, sposato, con tre figli ed altrettanti nipoti. vivo in un bel paese della campagna pavese. ho svolto molte attività, leggo da sempre e scrivo libri da cinque anni. Genere romanzi, gialli, storici e per bambini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: