la Gatta

Bereguardo 16 gennaio 2o17

Alle otto e trenta vedo entrare Gloria , sorridendo:

-Ciao Andrea , dormito bene? vedo che stai facendo gli ultimi ritocchi, falli con calma tanto non ci corre dietro nessuno.

Faccio in tempo a fare un cenno con la mano e rispondo contemporaneamente al telefono fisso:

-Buongiorno, qui studio investigativi Orsini, in cosa possiamo esserle utile?

-Buongiorno a lei, sono Maria Marzullo e ho bisogno del suo aiuto, può venire subito è necessaria la sua presenza.

Mentre Gloria mi viene vicino e ascolta interessata, metto il vivavoce e :

-Signora Marzullo, prima che mi precipito da lei, può accennarmi in cosa consiste il problema? Così tanto per preparare l’eventuale materiale occorrente.

-Adesso glie lo accenno, però poi venga subito, perché sono troppo in ansia, è sparita Livia la mia gatta soriana.

Allargando le braccia e guardando Gloria che se la ride:

-Signora Marzullo, da quanto tempo Livia vive con lei?

-Sono quasi due anni praticamente da quando è nata. Pensi che non la lascio mai uscire, questa volta ne ha approfittato della visita che mi ha fatto mio nipote. Quel cretino non ha richiuso subito la porta e lei è sgattaloiata fuori e non è più tornata.

-Da quanto tempo manca?

-Da ieri mattina.

-Negli ultimi tempi ha avuto comportamenti strani e fuori dalla norma?

Segue un minuto di silenzio poi:

-Sì negli ultimi tempi si muoveva camminando e strisciando sulla pancia, sollevando continuamente il posteriore e facendo strani mugolii.

-Signora stia attenta adesso le faccio una domanda che potrà sembrarle strana, ma la prego di riflettere prima di rispondermi

-Va bene, mi dica.

-Questa notte le è parso di sentire un pianto che assomigliava a quello di un neonato?

-Segue un lungo silenzio, poi sbotta:

Sì certo! E’ andato avanti un bel pò a più riprese, difatti non riuscivo più a dormire perché era un pianto lamentoso e irritante. Poi in mattinata  mentre prendevo il caffè mi è venuto in mente, che qui vicino non ci sono neonati.

– Signora adesso le comunicherò qualcosa che spero riesca a tranquillizzarla…

Mi interrompe esclamando:

-Grazie, grazie ne ho proprio bisogno, mi dica, adesso mi sono seduta.

-Sono convinto che la sua gatta tra poche ore verrà a grattare alla porta , lei la faccia entrare, non la rimproveri e fra non molto le darà dei bei gattini.

-Lei è un mago, se questo dovesse avverarsi, pregherò per Lei una intera settimana, promessa di una giovane ottantacinquenne, addio.

Ha riattaccato lasciandomi con un palmo di naso, intanto che Gloria si sganascia dalle risate e:

-Andrea, adesso hai avuto la prova del perché sei destinato al fallimento.

Autore: riflessioniopinioni

sono nato in un paesino dell'alto Molise, la sera di pasqua del 1947. A Milano da mezzo secolo, sposato, con tre figli ed altrettanti nipoti. vivo in un bel paese della campagna pavese. ho svolto molte attività, leggo da sempre e scrivo libri da cinque anni. Genere romanzi, gialli, storici e per bambini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: