…pensieri sotto la pioggia

Bereguardo 4 febbraio 2017.

Oggi è sempre più difficile che una coppia duri tanto, annullando quello della sacralità della famiglia, che è la base fondante di un popolo, quindi di una nazione. Oggi la percentuale del valore etico si è molto abbassata, determinata dal lassismo generale verso  la cultura umanitaria.

Dall’attuale  modus vivendi dovuto alla globalizzazione che, se da un lato ha abbassato notevolmente la povertà nel mondo, dall’altro coadiuvato dall’alto livello tecnologico   raggiunto nella comunicazione di massa,  ha determinato l’allontanamento del vivere comune. Adesso si stanno creando nel mondo bue blocchi distinte di persone, quelle che non vogliono muri e confini e quelli che vogliono rafforzarli.

Se non si abbassano i toni di questa contesa potremmo avviarci verso una fine insperata, verso una terza guerra mondiale. Quella che in un convegno del 1949 Einstein non riusci a definirne i contorni ma asserì con convinzione che la quarta sarebbe stata combattuta a colpi di pietre e bastoni. E le sue elucubrazioni mentali erano dovute a un cervello che marciava al doppio del nostro.

Oggi, nella quasi impossibilità di sognare, dovuta  prevalentemente alle  carenze evidenti di una classe istituzionale corrotta, l’uomo cerca di farsi notare dagli altri attraverso non una effettiva rivoluzione, ma con il narcisismo.

Oggi come sempre è importante piacere, però per farlo bisogna distinguersi dagli altri. Per raggiungere questo scopo non si utilizzano più le parole contenute nelle romanze dei trovatori, quindi il valore dei sentimenti e del coraggio, ma quello fatuo dell’esteriorità.

Per questo sono appannaggio dei nostri tempi i tatuaggi, i bicipiti scolpiti, i look arcobalenici e le mode più sfrenate. Sarei curioso di sapere se qualcuno ha informato i ragazzi che mostrano le chiappe al sole che,  quello era il segnale del culo disponibile nelle carceri americane di due secoli fa.

Penso che uno degli esempi più evidenti e attuali di narcisismo sia quello rappresentato dall’ascesa al top e la conseguente rovinosa caduta del nostro ex presidente del consiglio. Lui è riuscito con progressione maniacale a rendersi inviso al suo popolo, costringendolo a votare no ad una riforma che se prospettata in maniera diversa avrebbe ottenuta la maggioranza assoluta.

Mi auguro che insieme a quello meteorologico, torni il sole anche nella mia testa, buona giornata a tutti.

Autore: riflessioniopinioni

sono nato in un paesino dell'alto Molise, la sera di pasqua del 1947. A Milano da mezzo secolo, sposato, con tre figli ed altrettanti nipoti. vivo in un bel paese della campagna pavese. ho svolto molte attività, leggo da sempre e scrivo libri da cinque anni. Genere romanzi, gialli, storici e per bambini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: