Libertà di Stampa

Bereguardo 8 febbraio 2017

La mia nipotina sta giocando con le sue bambole, accovacciata su una coperta stesa sul pavimento, all’improvviso si blocca, mi guarda e corre a sedersi sulle mie ginocchia.E dopo avermi gratificato di una ginocchiata sui miei attributi mi chiede:

-Nonno, nonno cos’è la libertà di stampa?

-Da dove ti viene fuori una domanda del genere?

-Ma non la senti la nonna, che sta sbraitando contro i giornalisti, per qualcosa che stanno trasmettendo in televisione? E lo sta facendo contro la libertà di stampa.

-Senti principessa , adesso cerco di fare del mio meglio, spiegandoti in parole povere quello che sia. Però posso anche sbagliarmi dicendoti cose che scaturiscono più dalla mia esperienza umana che dalla realtà.

-Va bene nonno, tanto poi lo chiedo anche al mio papino quando rientra questa sera .

-Allora cara devi sapere, che normalmente quando si compra un giornale, si presume che le notizie che leggi siano veritiere, purtroppo non è così. La verità è condizionata da innumerevoli fattori che ne possono falsare l’interpretazione, già solamente raccontandola a un amico. Figurati poi se subentrano altri fattori che ne distorcono la realtà, come gli interessi commerciali relativi alla vendita dei giornali, quelli più importanti di appartenenza politica  e poi in ultima analisi si deve scrivere quello che dice il padrone del giornale. Questo vale anche per l’informazione televisiva, pertanto tu , per cercarti la verità dovresti leggere lo stesso articolo su giornali avversi  e poi immaginartela come quella che ritieni reale. La nostra stampa sta diventando una delle peggiori al mondo, penso che questo sia dovuto a una mancanza culturale, di valori etici e morali, come il rispetto e educazione verso i propri simili. forse una stampa più seria riuscirebbe a rallentare il suo prossimo suicidio, dovute alle comunicazioni tecnologiche gratuite di massa . Sono convinto che sia più facile oggi apprendere la realtà,  dai commenti del pubblico espressi su organi di informazione, come facebook anche se ci sono tante falsità. Presso le redazioni dei giornali esiste una figura che si occupa dei titoli degli articoli da pubblicare, pertanto c’è comunque alla fonte una probabile distorsione. Poi parliamoci chiaro, normalmente un giornalista è un dipendente, pertanto pubblica quello che gli viene comandato di fare. Adesso per farti capire meglio ti faccio un paio di esempi di accanimenti persecutori da parte di giornalisti. Qualche anno fa Berlusconi fece fuori Fini per un suo deprecabile errore compiuto in malafede. Tutti i santissimi giorni i titoli dei suoi giornali in prima pagina erano rivolti contro Fini e così anche le sue televisioni, finché lo hanno scacciato dal suo partito. Mi sembra impossibile che i giornalisti , persone che lavorano con l’uso esclusivo del cervello non si vergognassero di guardarsi allo specchio radendosi la barba. Oggi si ripete la stessa cosa nei confronti della sindaca  di Roma Virginia Raggi. Al posto di occuparsi dei veri delinquenti, vanno a controllare quante volte Virginia va a fare la pipì, adesso si occuperanno dei suoi amanti , che naturalmente saranno in molti. Mi meraviglio che queste persone con questi ignobili atteggiamenti non si rendano conto, che portano solo voti al M5S.  Comunque Virginia potrebbero suicidarla facendone una martire, portando  al rischio fondato di una sollevazione popolare. Il grado di sopportazione della gente è allo stremo e sono in arrivo nuove tasse, che forse si chiamano ancora accise.

-Nonno, nonno basta sei riuscito a confondermi!

-Scusa cara, mi sono lasciato fuorviare dai sentimenti.

 

 

Autore: riflessioniopinioni

sono nato in un paesino dell'alto Molise, la sera di pasqua del 1947. A Milano da mezzo secolo, sposato, con tre figli ed altrettanti nipoti. vivo in un bel paese della campagna pavese. ho svolto molte attività, leggo da sempre e scrivo libri da cinque anni. Genere romanzi, gialli, storici e per bambini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: