Esperienza Infernale

Bereguardo 23 gennaio 2017

-Ermanno se qualcuno ci sente, pensa che noi ci siamo sempre dedicati a ridere e far ridere. Invece abbiamo affrontato anche tanti argomenti seri, abbiamo parlato della vita, della morte, dei sentimenti, abbiamo discusso sui colori dell’arcobaleno ecc. Ti ricordi, eh ti ricordi?

-No! Non mi ricordo, perché non è mai veramente successo, tu partivi, davi l’imput e poi ritiravi la mano.

-Per forza, già prima di a parlare, assumevi la faccia professorale e seriosa, ti raddrizzavi sulla sedia e ti guardavi in giro. Poi dopo una sosta riflessiva, partivi non solo esponendo ma anche pontificando. Così dopo un po mi scappava  da ridere ed in il tuo sacco di importanti cognizioni filosofiche, cadeva a terra con un grosso tonfo.

-Sì! Amilcare hai ragione, forse anche per questo eravamo più sereni e felici. Non infarcendoci di di discorsi noiosi, che non portavano a nulla di pratico.Non servivano perché avevamo una cognizione generale della vita molto simile, perciò i vari tentativi di discussione risultavano inutili. Conoscendo il tuo stato di salute, mi fermavo,quando mi accorgevo di toccare argomenti dolorosi che potevano ferirti. Ma anche in questi casi sembravi leggermi negli occhi e guardandomi con tenerezza, scoppiavi a ridere.

-Vedi Ermanno che non sei cambiato, per non dire nulla hai parlato tanto.

-Amilcare Vai al diavolo.

-No cazzo! Per fortuna sono riuscito a scapparne, sono stato riabilitato da poco.

Molto meravigliato gli chiedo:

-Ma no! Sei stato all’inferno, non ci credo è quasi impossibile! Non ti ho conosciuto come un peccatore, a meno che non hai combinato qualcosa di brutto che non è a mia conoscenza. Allora dai, raccontami come possa essere accaduto.

-Ermanno è successo, perché se noi vediamo qualcosa che non ci piace, ci crediamo in di intervenire in difesa di quello che riteniamo essere più debole. Siccome mi sono  messo a fare il sindacalista, un giudice spocchioso mi ha spedito per un po all’inferno. Per fortuna sono stato mandato in un posto, dove non ho sofferto, potevo muovermi, ma non c’era niente da fare, così mi sono annoiato tanto, ma veramente tanto.

-Dai! Adesso raccontami come è successo, non tenermi inutilmente sulle spine.

-Va bene, ti accontento. Come sai sono morto all’ora di pranzo, ma prima di averlo consumato. Pertanto quando entro nel cono di luce celestiale , ero piuttosto incazzato. Alla fine del percorso mi ritrovo in un salone molto grande. E’ pieno di persone morte in mattinata, le quali  devono sottoporsi al  giudizio,   per essere poi trasferiti al paradiso o all’inferno. Ci sono diversi sportelli, con angeli che giudicano, formulando delle domande già preventivamente preparate, se qualcuno non rientra  in questa selezione, viene condotto dal capoufficio, che provvede alla soluzione finale. Dunque ero arrivato penultimo in fila , guardavo l’angelo giudice brutto come la fame, che interrogava un vecchio. Questo aveva sugli ottant’anni, aveva appena finito di raccontare la sua vita , dedicata alla famiglia e alla patria. Aveva combattuto in Abissinia, aveva ammazzato dei nemici come da ordini ricevuti, era stato fatto prigioniero. Al suo ritorno in famiglia, aveva sposato sua cognata, che era rimasta vedova. Poi aveva messo al mondo dei figli, si era dedicato al lavoro e la domenica era sempre andato in chiesa. L’angelo brutto lo guarda con cattiveria e gli dice;

-Prendi l’uscita a sinistra, quella che porta all’inferno.

Avendo sentito il racconto del vecchio, mi indigno e dico:

-Ma come si permette  di mandare un povero vecchio all’inferno, le ha appena raccontato la sua vita esemplare.

-Tu! Amilcare, devi sapere che quì non siamo in democrazia  e per fartelo capire ti indico la strada per l’inferno. Non ci starai molto, ma quel tanto che basta per farti capire di pensare ai cazzi tuoi e non intrometterti. Comunque per soddisfare la tua curiosità ti spiego il motivo della mia decisione. Il tuo simpatico vecchietto , la terza volta che gli chiedo se ha omesso qualcosa di importante da raccontare mi dice di no, asserendo di essere sereno. Ha solo dimenticato di raccontarmi che, per impossessarsi della cognata, ha buttato nel pozzo, uccidendolo suo fratello in un  pozzo.

Sto zitto per un pò, rifletto sul suo racconto e dico:

-Caspita Amilcare, non pensavo che fossero così drastici e veloci, perbacco quasi peggio di una dittatura!

-Ermanno anch’io ho subito pensato la stessa cosa. Però poi ho capito che, se per prendere le  decisioni, dovessero comportarsi come i nostri governanti, ci sarebbero file lunghe parecchi anni. Forse è meglio  che continuiamo con le nostre cazzate, che sono semplici e divertenti.

 

Autore: riflessioniopinioni

sono nato in un paesino dell'alto Molise, la sera di pasqua del 1947. A Milano da mezzo secolo, sposato, con tre figli ed altrettanti nipoti. vivo in un bel paese della campagna pavese. ho svolto molte attività, leggo da sempre e scrivo libri da cinque anni. Genere romanzi, gialli, storici e per bambini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: